close
Share with your friends

Gli investimenti globali nel settore fintech nel 2018

Gli investimenti globali nel settore fintech nel 2018

Nel 2018 gli investimenti in aziende fintech a livello globale hanno raggiunto il valore record di 111,8 miliardi di Dollari. I principali risultati del rapporto semestrale KPMG ‘The Pulse of Fintech 2018’.

1000

Altri contenuti

Il 2018 è stato un anno record per gli investimenti in aziende fintech a livello globale: gli investimenti hanno raggiunto i 111,8 miliardi di Dollari, un dato più che raddoppiato rispetto ai 51 miliardi di Dollari registrati nel 2017 e alimentato da un importante numero di mega-deal, sia M&A che buyout.

Il numero totale di operazioni nel settore fintech si è invece mantenuto sostanzialmente stabile rispetto all’anno precedente (2.196 deal nel 2018, a fronte delle 2.165 operazioni del 2017), con un lieve calo nel numero di deal nel secondo semestre dell’anno. L’aumento della diversificazione geografica spinge il volume di investimenti, ma la maggior parte delle operazioni si concentra ancora nei principali hub fintech, dove sono stati conclusi i deal più rilevanti.

investimenti fintech

Fintech: crescono i mega-deal

L’incremento degli investimenti nel settore fintech è stato guidato principalmente dal consistente numero di mega-deal. In particolare, nel 2018 si sono concluse ben tre operazioni con un controvalore superiore ai 10 miliardi di Dollari e 14 operazioni con valore superiore a un miliardo di Dollari.

Il principale deal dell’anno è stato l’investimento di Blackstone da 17 miliardi di Dollari in Refinitiv (ex divisione Financial and Risk di Thomson Reuters), concluso nel secondo semestre dell’anno. Nel primo semestre dell’anno, invece, Ant Financial, gigante cinese del fintech controllato da Alibaba, ha raccolto finanziamenti per 14 miliardi di Dollari, la più grande operazione di venture capital mai effettuata. La terza operazione dell’anno per dimensione è stata l’acquisizione da parte di Vantiv, colosso dei pagamenti mobile statunitense, di Worldpay, azienda britannica specializzata nei servizi di pagamento, per 12,9 miliardi di Dollari, finalizzata nel primo semestre dell’anno.

L’aumento della dimensione media dei deal, l’incremento delle operazioni di M&A e la sempre maggiore diversificazione geografica degli investimenti testimoniano la crescente maturazione del settore fintech su scala globale. Le startup fintech, in mercati quali la Germania e il Brasile, stanno attraendo round di finanziamenti sempre più consistenti e in fasi di sviluppo dell’attività più avanzate, mentre i leader già affermati del settore fintech negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Asia stanno effettuando investimenti ed acquisizioni per espandere la propria gamma di prodotti e per raggiungere nuove aree geografiche.

Aumentano gli investimenti fintech in tutte le aree geografiche

Il 2018 è stato un anno record per il fintech anche se si guarda ai dati regionali, con valori in crescita in tutte le aree geografiche analizzate (Americhe, Asia ed Europa).

Gli investimenti nel settore fintech nelle Americhe sono passati dai 29 miliardi di Dollari del 2017 ai 54,5 miliardi di Dollari nel 2018, con volumi in aumento da 1.039 a 1.245 deal. Gli Stati Uniti guidano gli investimenti nell’area (52,5 miliardi di Dollari, più del doppio rispetto all’anno precedente, e 1.061 operazioni).

In Europa gli investimenti in aziende fintech hanno registrato un forte incremento, con 34,2 miliardi di Dollari (536 operazioni), rispetto ai 12,2 miliardi di Dollari del 2017, grazie a massicce operazioni di M&A e buyout, tra cui Worldpay (12,9 miliardi di Dollari), Nets (USD 5,5 miliardi), ETF Securities (3,35 miliardi di Dollari), iZettle (USD 2,2 miliardi), Fidessa Group (2,1 miliardi di Dollari) e IRIS Software Group (USD 1,8 miliardi). Il Regno Unito guida gli investimenti dell’area, con 20,7 miliardi di Dollari, in aumento rispetto ai 5,6 miliardi di Dollari del 2017. Più della metà degli investimenti registrati nel Regno Unito è rappresentata dall'acquisizione di Worldpay per 12,8 miliardi di Dollari avvenuta nel primo semestre dell'anno. Nel terzo e nel quarto trimestre si è, invece, osservato un brusco calo degli investimenti, probabilmente a causa delle incertezze legate alla Brexit.

pulse of fintech

In Asia la crescita degli investimenti nel settore fintech (controvalori passati dai 9,5 miliardi di Dollari del 2017 ai 22,7 miliardi di Dollari del 2018) è stata guidata principalmente dal mega-deal che ha coinvolto Ant Financial, gigante cinese del fintech controllato da Alibaba, che ha raccolto finanziamenti per 14 miliardi di Dollari, la più grande operazione di venture capital mai effettuata. La Cina domina gli investimenti dell’area, con 18,2 miliardi di Dollari e 83 deal.

Un trend interessante emerso nel 2018 è l’incremento delle operazioni di M&A transfrontaliere. I deal M&A cross-border hanno registrato controvalori pari a 53,5 miliardi di Dollari (155 operazioni), a fronte dei 19 miliardi di Dollari del 2017 (153 operazioni). Gli Stati Uniti hanno attratto 28 miliardi di Dollari in operazioni di M&A cross-border, mentre l’Europa ha raccolto 21,6 miliardi di Dollari.

Regtech, blockchain e nuove tecnologie guidano la crescita del fintech

I segmenti che hanno attratto il maggior interesse da parte degli investitori sono regtech (3,7 miliardi di Dollari nel 2018, rispetto agli 1,2 miliardi di Dollari del 2017) e blockchain e criptovalute (4,5 miliardi di Dollari, poco al di sotto dei 4,8 miliardi di Dollari registrati nel 2017).

I crescenti obblighi regolamentari e di compliance derivanti dall’applicazione di PSD2, GDPR e altre normative stanno influenzando sia i player già affermati sia le fintech emergenti. Di conseguenza, emerge un interesse crescente nei confronti di tecnologie, come l'intelligenza artificiale e il machine learning, che possono essere utilizzate per gestire al meglio le esigenze di compliance. Per questo motivo si prevede che gli investimenti in tecnologia continueranno a crescere nei prossimi anni.

Outlook 2019: si conferma l’interesse degli investitori per il settore fintech

Secondo le stime KPMG, gli investimenti nel settore fintech dovrebbero rimanere consistenti anche nel 2019, nonostante l'aumento dell'incertezza dello scenario. Le preoccupazioni legate agli equilibri geopolitici e alle tensioni commerciali potrebbero mettere un freno agli investimenti in aziende fintech nel 2019. Tuttavia, l’elevata diversificazione geografica dei principali hub fintech a livello globale e il rafforzamento di alcuni segmenti, quali regtech e insurtech, dovrebbero contribuire a dare nuovo slancio alla crescita del settore. A livello tecnologico, Artificial Intelligence e Automation rimarranno le aree di maggior interesse per gli investitori.

Contattaci

 

Want to do business with KPMG?

 

Per maggiori informazioni