close
Share with your friends

Dopo il primo appuntamento pubblicato a fine settembre (clicca qui per leggere il contenuto), prosegue l’analisi degli effetti del COVID-19 sui bisogni, i comportamenti e le preferenze dei consumatori nel secondo aggiornamento del report ‘Il Consumatore e la ‘New Reality’’. Effetti che continuano ad avere un forte impatto a livello globale e che le aziende dovranno anticipare per prepararsi alla nuova realtà. In particolare, in questa edizione il focus sarà sui cambiamenti di lungo termine nei comportamenti dei consumatori e su come le imprese possono trasformare la loro attività per adattarsi con successo a questi cambiamenti.

Questo executive summary è il secondo di tre report che esaminano l’evoluzione dei comportamenti dei consumatori in 12 paesi (Australia, Brasile, Canada, Cina, sia entroterra che Hong, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Italia, Spagna, Stati Uniti), attraverso l’analisi di dati raccolti tra maggio e agosto 2020 ottenuti intervistando oltre 60.000 consumatori e studiando le loro interazioni con le organizzazione che operano nei settori Consumer & Retail, Bancario, Assicurativo, Viaggi, Intrattenimento e Tempo Libero.

‘Il Consumatore e la ‘New Reality’’: le principali evidenze

La seconda wave della ricerca KPMG mette in luce diverse evidenze, tra cui:

  • come le nuove abitudini dei consumatori si stiano consolidando e siano ora diventate parte della vita di tutti i giorni.
  • una particolare attenzione dei consumatori al risparmio, indotta dalla preoccupazione per la situazione economica generata dalla pandemia.
  • una sempre maggiore ricerca di semplicità d’acquisto, che porta i consumatori a rivolgersi sempre più al commercio locale e ai canali digitali.
  • come la sicurezza personale entri nei primi tre fattori che determinano l’acquisto, dimostrando la necessità per le organizzazioni di lavorare più duramente e più velocemente per alleviare l'ansia dei consumatori sui rischi nelle interazioni personali.

Questi fattori suggeriscono significative conseguenze per i mercati. Le organizzazioni dovranno rispondere velocemente a questi bisogni e adattarsi ai cambiamenti in atto per restare competitive.

Nel corso delle prossime settimane sarà pubblicato l’ultima wave di questa serie di report, con ulteriori aggiornamenti sull’evoluzione dei comportamenti dei consumatori nei vari paesi.