close
Share with your friends

Il numero senza precedenti di malati COVID-19 che necessitano di cure sta mettendo il Servizio Sanitario Nazionale di fronte ad una prova durissima.

KPMG, fin da subito, ha reagito con determinazione all’emergenza sanitaria con l’obiettivo di fornire aiuti concreti agli ospedali più in difficoltà: non una sola donazione, ma una serie di interventi mirati, dove c’è più bisogno.

Con questo spirito, abbiamo avviato insieme alla Fondazione Francesca Rava, un percorso di ascolto dei bisogni del territorio e di donazioni alle strutture maggiormente coinvolte in questa crisi.

Abbiamo iniziato a metà marzo con la donazione di un ventilatore da rianimazione all’Ospedale dei Bambini Buzzi di Milano.

Sono seguite una serie di altre iniziative di solidarietà con donazioni di macchinari indispensabili per affrontare questa emergenza, insieme all’installazione e alla necessaria formazione del personale sanitario per l’utilizzo delle apparecchiature donate alle strutture ospedaliere.

Di seguito le donazioni realizzate e quelle in programma:

  • Ospedale Giovanni XXIII di Bergamo: il 25 marzo, è stata donata una nuova apparecchiatura per la radiografia toracica, strumento essenziale per la diagnosi della polmonite da COVID-19;
  • Policlinico di Milano: il 26 marzo, nell’ambito dell’allestimento del nuovo reparto di terapia intensiva per COVID-19, KPMG ha contribuito all’acquisto del sistema di radiografia toracica mobile, fondamentale per la lastra toracica e la diagnosi della polmonite interstiziale;
  • Istituto Clinico Città Studi di Milano: il 28 marzo, sono stati donati apparecchi per il controllo dei parametri vitali, essenziali per monitorare il decorso dei pazienti: pulsoximetri, termometri digitali e mascherine FFP2;
  • Policlinico Gemelli di Roma (il 31 marzo) Ospedale Spallanzani di Roma e Ospedale Cardarelli di Napoli (il 2 aprile): donazione ad ognuno di questi Ospedali di un ecografo multisonda,  ecografi portatili di ultima generazione per screening e diagnosi avanzata polmonare cardiaca e addominale, ideale per utilizzo al letto dei pazienti COVID-19 in terapia semi-intensiva e intensiva, apparecchi altamente performanti che, dopo l’emergenza, potranno coprire tutte le applicazioni ecografiche, sono quindi un asset importante per gli ospedali anche sul lungo periodo;
  • in questi giorni KPMG donerà altre attrezzature agli Spedali Civili di Brescia e all’Ospedale Spallanzani di Roma.

E non finirà qui: ‘Diamo Respiro all’Italia’, come evidenziato anche nella nostra campagna di comunicazione, nella consapevolezza che la responsabilità sociale è nel nostro DNA ed in questo momento ognuno deve fare la sua parte. 

Diamo respiro all'Italia - KPMG